informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Competenze relazionali nelle professioni sanitarie: quali sono e come acquisirle

Commenti disabilitati su Competenze relazionali nelle professioni sanitarie: quali sono e come acquisirle Studiare a Brindisi

competenze relazioni nelle professioni sanitarie infermiera

Negli ultimi decenni il sistema sanitario italiano ha vissuto e vive tutt’ora una profonda trasformazione dettata dal processo di aziendalizzazione della Sanità iniziato negli anni Novanta. Cosa si intende per aziendalizzazione lo vedremo a breve. In questo approfondimento, infatti, lo staff dell’Università online Niccolò Cusano di Brindisi cercherà di spiegare i cambiamenti in corso nei sistemi di gestione personale della Pubblica Amministrazione e cosa sono le competenze relazionali nelle professioni sanitarie.

Termineremo questa nostra guida con un riferimento al Master I livello in Gestione del coordinamento nelle professioni sanitarie attivato presso l’Università online Unicusano.

Aziendalizzazione della Sanità

Cosa significa aziendalizzazione? In maniera molto sintetica possiamo affermare che l’aziendalizzazione è la trasformazione di un ente statale in un organismo a gestione aziendale.

Il processo di aziendalizzazione della Sanità ha introdotto nel servizio sanitario grandi cambiamenti rispetto alla gestione, all’organizzazione e allo sviluppo del personale impiegato nelle strutture.

In particolare, facciamo riferimento a figure professionali quali:

  • assistenti sanitari
  • infermieri
  • dietisti
  • ostetriche
  • tecnici della prevenzione nell’ambiente e nei luoghi di lavoro
  • tecnici sanitari di laboratorio biomedico e di radiologia medica per immagini e radioterapia

I cambiamenti di cui parliamo hanno determinato la necessità di nuove responsabilità da parte degli operatori sia nel dare risposta alle esigenze dell’utente, sia nel creare un clima adeguatamente collaborativo per lavorare in squadra.

Sono venuti a delinearsi nuovi assetti organizzativi e nuovi ruoli al fine di rispondere sempre meglio alle esigenze del cittadino-cliente.

Un simile scenario si rende possibile solo attraverso lo sviluppo e l’acquisizione di specifiche competenze. Parliamo cioè delle competenze relazionali nelle professioni sanitarie che meglio soddisfano i bisogni dell’utenza.

La comunicazione diventa fondamentale per chi opera nelle aziende sanitarie, sia nel rapporto operatore-utente che operatore-operatore.

Come facilitare le aziende sanitarie nell’attuazione di simili cambiamenti? Con la formazione. Scopriamo di più.

Formazione e valorizzazione del personale delle Pubbliche Amministrazioni

Per comprendere meglio la funzione della formazione del personale, è doveroso fare riferimento alla Direttiva emanata dal Dipartimento della Funzione Pubblica il 13 Dicembre 2001 di cui riportiamo alcune parti esplicative.

La Direttiva, pubblicata integralmente sul sito del Ministero della Pubblica Amministrazione, sostiene che

“tutte le organizzazioni, per gestire il cambiamento e garantire un’elevata qualità dei servizi, devono fondarsi sulla conoscenza e sulle competenze.”

Ed ancora,

“Devono, pertanto, assicurare il diritto alla formazione permanente, attraverso una pianificazione e una programmazione delle attività formative che tengano conto anche delle esigenze e delle inclinazioni degli individui”.

“Questa direttiva, pertanto, richiama e impegna la responsabilità dei dirigenti nella gestione del personale e delle risorse finanziarie ad essa connesse, l’attenzione degli operatori alla qualità della formazione, all’efficienza e all’efficacia dei processi formativi.”

Per fare in modo che al cittadino siano garantite prestazioni sanitarie appropriate, da parte di professionisti competenti, la formazione diventa una priorità.

In questo ambito si parla della cosiddetta ECM, Educazione continua in medicina, processo mediante il quale gli operatori sanitari curano il proprio sviluppo professionale in maniera continua, allo scopo di crescere professionalmente e rispondere adeguatamente alle esigenze dei pazienti.

Obiettivo del sistema ECM è migliorare le competenze e le abilità cliniche, tecniche e manageriali dei professionisti, per assicurare efficacia, appropriatezza, sicurezza ed efficienza nell’attività sanitaria.

Altro importante concetto riguardante la formazione del personale sanitario è la FAD – Formazione a Distanza, strumento formativo facilmente fruibile data l’assenza di vincoli logistici e temporali, ed accessibile a tutti in qualsiasi momento.

competenze relazioni nelle professioni sanitarie stretta mano

Competenze relazionali nelle professioni sanitarie: quali sono?

Ora che abbiamo visto l’importanza della formazione quale strumento necessario per guidare gli operatori del settore sanitario verso una nuova sanità, passiamo alle cosiddette competenze relazionali.

Il concetto di competenza, noto anche come skills, è diventato di uso comune nella presentazione del proprio curriculum vitae.

In generale le competenze personali vengono suddivise in:

  • professionali
  • relazionali
  • organizzative
  • tecniche

Vediamo di capire meglio cosa sono le competenze relazionali.

Possedere capacità e competenze relazionali è determinante per chi, nel proprio lavoro, svolge un ruolo a stretto contatto con persone quali clienti, superiori, colleghi, familiari, alunni e si trova a vivere in contesti delicati soggetti ad emozioni forti come la scuola o la sanità.

Le competenze relazionali rientrano in quelle che sono definite competenze trasversali. Si tratta di competenze che, come suggerisce il termine stesso, non si riferiscono ad una posizione professionale specifica, ma appartengono a diversi profili professionali, tra cui quelli del settore della sanità, in cui la dimensione relazionale assume un ruolo centrale.

Sono quindi capacità comunicative e relazionali che ogni professionista, in qualsiasi settore professionale, dovrebbe avere ed acquisire.

Competenze relazionali: esempi

Per capire meglio quali sono le competenze relazionali possiamo fare riferimento a due fattori molto importanti, ovvero:

  • capacità di comprendere sé stessi, quindi saper riconoscere le proprie emozioni, i propri pensieri ed osservare correttamente i propri comportamenti
  • orientamento personale verso un obiettivo, quindi dedicare le proprie risorse nella realizzazione di uno scopo, imparando a gestire le proprie emozioni ed evitando stati mentali controproducenti, come ansia eccessiva, timidezza o paura.

Persone dotate di elevata intelligenza emotiva sono persone particolarmente portate ad avere competenze personali relazionali e comunicative. Solitamente sono persone che sanno decifrare la comunicazione non verbale, come le espressioni facciali e sanno interagire con gli altri cogliendo stati d’animo e pensieri.

Saper creare relazioni di qualità con i colleghi ad esempio è fondamentale per portare avanti il lavoro in team ed influenzare positivamente gli altri.

Mappatura delle competenze in sanità

All’interno di un’organizzazione, avere una mappatura delle competenze permette di definire quali sono le competenze di cui l’organizzazione stessa dispone, quali sono i punti di forza e di debolezza, quali sono gli interventi da fare per colmare eventuali lacune ed allineare le professionalità impiegate ai bisogni dei pazienti, degli assistiti e degli utenti in generale.

Nel settore socio sanitario, la mappatura delle competenze è divenuta centrale nello studio delle figure professionali impiegate nelle strutture. In questo ambito, soggetto ad una moltitudine di norme, individuare e applicare un modello di mappatura univoco non è un compito semplice.

Esistono diversi modelli di mappatura con diverse interpretazioni delle competenze essenziali di un profilo.

Il modello che permette di evidenziare le competenze caratterizzanti ogni figura in maniera dettagliata, misurabile e certificabile è quello del metodo delle U.F.C. (Unità Formative Capitalizzabili) che descrive anche il percorso formativo da intraprendere per acquisire tali competenze.

Master I Livello in Gestione del coordinamento nelle professioni sanitarie

Per chi fosse interessato ad approfondire queste tematiche, il consiglio è seguire il Master universitario di I Livello in Gestione del coordinamento nelle professioni sanitarie, attivo per l’anno accademico 2018/2019 presso l’Unicusano. Il Master, in convenzione con la UIL FPL Formazione e l’OPES Formazione, è riservato ai soli iscritti UIL/FPL.

A coloro che supereranno verifiche intermedie e prova finale verrà rilasciato il Diploma di Master universitario di I livello in Gestione del coordinamento nelle professioni sanitarie che, sulla base della Legge n. 43 del 1.2.2006, abilita alle “funzioni di coordinamento nell’area di appartenenza”.

Come riportato sulla scheda informativa, il Master è finalizzato all’acquisizione delle seguenti capacità:

  • utilizzare le competenze di economia sanitaria e di organizzazione aziendale utili all’organizzazione dei servizi e alla gestione delle risorse umane e tecnologiche
  • utilizzare i metodi e gli strumenti della ricerca nell’area dell’organizzazione dei servizi sanitari
  • comunicare con chiarezza su problematiche sia di tipo organizzativo che interpersonale con gli altri operatori sanitari e con l’utenza
  • analizzare criticamente gli aspetti normativi, etici, deontologici e della responsabilità nelle professioni dell’area sanitaria.

Il Master ha durata annuale e le attività didattiche si svolgono per via telematica.

Prima di lasciarvi, consigliamo di leggere il nostro approfondimento dedicato al ruolo dell’operatore dell’infanzia, un altro esempio di professione in cui le competenze relazionali sono fondamentali.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali