informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

I 5 libri sulla politica italiana che dovresti leggere

Commenti disabilitati su I 5 libri sulla politica italiana che dovresti leggere Studiare a Brindisi

Sei un appassionato di politica? Vorresti ripercorrere la storia politica del nostro paese? In tal caso stai leggendo l’articolo giusto per te. Lo staff dell’Università online Niccolò Cusano di Brindisi ha realizzato una breve guida ai libri sulla politica italiana da leggere assolutamente.

Nello specifico andremo ad analizzarne ben 5. Se sei curioso di approfondire l’argomento, ti consigliamo di continuare a leggere.

Libri sulla politica italiana: i 5 da leggere assolutamente

Di libri di politica ne sono stati pubblicati molti negli anni e anche di genere diverso. Si passa infatti dai libri di satira politica a quelli di politica economica, da quelli di politica monetaria a quelli di geopolitica. Insomma, se cerchi i migliori libri sulla politica italiana, hai l’imbarazzo della scelta. Ad aiutarti nella selezione ci pensa il nostro staff. Ecco quali sono i 5 libri sulla politica italiana che andremo a scoprire insieme.

libri sulla politica italiana pila

Il sistema politico italiano (di Carlo Guarnieri)

L’autore de’ Il sistema politico italiano è Carlo Guarnieri, insegnante dell’Università di Bologna. Riportiamo di seguito la descrizione di questo testo:

I modi in cui è avvenuta l’unificazione italiana hanno fatto sì che il nuovo stato abbia dovuto affrontare in rapida successione sfide che altrove sono state diluite nell’arco di secoli. Questo ha lasciato segni evidenti sullo sviluppo politico successivo, sulle architetture istituzionali e sul loro rendimento, nonché sulla percezione della loro legittimità. La prospettiva di lungo periodo – dall’Unità a oggi – con cui l’autore ha scelto di descrivere il funzionamento del sistema politico italiano e la sua evoluzione, sottolinea le radici lontane di molti dei problemi d’oggi e individua con chiarezza gli elementi di discontinuità. In particolare gli anni ’90 hanno visto per la prima volta prendere forma un assetto bipolare competitivo, con implicazioni potenzialmente positive per l’intero sistema, anche se la legge elettorale del 2005 rischia di interrompere tale processo.

I partiti politici italiani dall’Unità ad oggi (di Paolo Carusi)

Un altro tra i migliori libri di politica italiana in circolazione è I partiti politici italiani dall’Unità ad oggi di Paolo Carusi.

Di seguito la descrizione del testo:

Dall’Unità ad oggi, la storia dei partiti italiani viene qui ripercorsa, nei suoi passaggi fondamentali, attraverso lo svolgimento cronologico delle diverse fasi politiche: dai problemi e le questioni emerse all’indomani dell’unificazione, passando attraverso la crisi del liberalismo e l’avvento dei partiti di massa, superando la soppressione della vita democratica messa in atto dal regime fascista, e arrivando, infine, alla creazione, al consolidamento e alla crisi del sistema dei partiti dell’Italia repubblicana. Un percorso difficile e tortuoso, caratterizzato, dall’irrisolto nodo della creazione di un reale spirito di appartenenza comune. Ripercorrendo questo iter e affrontando una disamina delle interpretazioni e delle metodologie di ricerca storiografica, il volume intende fornire un contributo per un rinnovato dibattito (aperto agli specialisti del settore, nonché al vasto campo di studiosi di scienze sociali) relativo al “caso italiano” e a quei caratteri peculiari che continuano a determinarne l’assoluta specificità nel panorama dei sistemi politici europei.

La politica economica italiana dal 1968 a oggi (di Salvatore Rossi)

Terzo libro della nostra selezione di libri sulla politica italiana è La politica economica italiana dal 1968 a oggi di Salvatore Rossi. In questo caso ci troviamo di fronte ad un libro di economia politica. Di seguito la descrizione:

Uno spaccato illuminante dell’economia del nostro paese dal 1968 a oggi: la storia degli interventi pubblici nell’economia italiana ma anche la loro relazione con la trama dei principali eventi politici, istituzionali, internazionali e sociali di quegli anni.

Ne emerge il racconto avvincente di una stagione di illusioni ed errori, culminata dieci anni fa in una crisi economica gravissima, da cui l’Italia stenta a riprendersi.

Una guida utile per chi – anche se non addetto ai lavori nelle discipline economiche – voglia orientarsi nella storia recente della politica e dell’economia in Italia.

I sette peccati capitali dell’economia italiana (di Carlo Cottarelli)

Quarto libro è I sette peccati capitali dell’economia italiana di Carlo Cottarelli. Anche in questo caso siamo di fronte ad un libro che parla di economia politica.

Perché l’economia italiana non riesce a recuperare? Esistono alcuni ostacoli molto ingombranti. Sono i sette peccati capitali che bloccano il nostro paese: l’evasione fiscale, la corruzione, la troppa burocrazia, la lentezza della giustizia, il crollo demografico, il divario tra Nord e Sud, la difficoltà a convivere con l’euro. Quali sono le cause di questi peccati?

Dopo un’esperienza decennale da dirigente del Fondo monetario internazionale, Cottarelli torna in Italia e risponde a queste domande con un linguaggio semplice ma rigoroso. Dimostra che se i segnali positivi sono ancora parziali e moltissimo resta da fare, la precarietà che impedisce la nostra ripresa non è legata a un destino che siamo costretti a subire. Un saggio che guarda al futuro con realismo, ma anche con una consapevole fiducia. Correggere i nostri errori e smettere di peccare è ancora possibile.

Politica in Italia. I fatti dell’anno e le interpretazioni – 2019 (a cura di Edoardo Bressanelli e David Natali)

L’ultimo libro è Politica in Italia. I fatti dell’anno e le interpretazioni – 2019 a cura di Edoardo Bressanelli e David Natali.

I fatti politici salienti del 2018 sono stati le elezioni politiche del 4 marzo – con l’inaspettato successo (almeno nelle proporzioni) del Movimento Cinque Stelle, l’ottimo risultato della Lega e la sconfitta del Partito Democratico –, la successiva formazione del «governo del cambiamento» (espressione di movimenti populisti) e il suo operare nei primi sei mesi di mandato. Nel volume si offre un’analisi dettagliata di due atti chiave dell’azione di governo quali l’approvazione della legge di bilancio e la riforma delle politiche del lavoro (il «decreto dignità») e, fuori dei confini nazionali, si esaminano la politica europea del governo Conte e la gestione dei flussi migratori. Ne emerge un quadro in cui il governo gialloverde, pur presentando evidenti elementi di rottura, per certi aspetti si pone, piuttosto sorprendentemente, in sostanziale continuità rispetto alle precedenti esperienze di governo.

Ora che abbiamo visto 5 libri sulla politica italiana da leggere assolutamente, ti consigliamo di prendere informazioni sul nostro corso di laurea in scienze politiche. Un corso che la lo scopo di offrire allo studente nuove conoscenze e reali competenze in campo, politologico, economico e giuridico. Contattaci per chiedere informazioni o compila il modulo che trovi di lato.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali