informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Scienziati italiani: i personaggi da ricordare

Commenti disabilitati su Scienziati italiani: i personaggi da ricordare Studiare a Brindisi

Quali sono gli scienziati italiani più famosi da conoscere? Lo staff dell’Università Niccolò Cusano di Brindisi ha deciso di fornire agli studenti una panoramica sui più importanti personaggi del mondo della scienza in Italia che hanno fatto la differenza – grazie al loro pensiero – in tutto il mondo.
scienziati del Novecento
Le novità portate dalle invenzioni italiane sono molteplici e spesso si tende a trascurarle e a non comprenderne a fondo l’importanza. Eppure gli scienziati che analizzeremo più avanti nel corso dell’articolo hanno non solo contribuito a cambiare la storia ma in molti casi sono stati dei veri e propri precursori i quali hanno aperto la strada ad innovazioni e scoperte.

10 scienziati famosi che ogni italiano dovrebbe conoscere

Il nostro excursus tra i maestri della scienza in Italia parte dagli albori delle scoperte e degli esperimenti scientifici fino ad arrivare ad una serie di scienziati del Novecento, di cui alcuni ancora in vita. Si tratta di una carrellata di personaggi che in vari ambiti – dalla medicina alla fisica, all’astronomia alla chimica – hanno portato a scoperte fondamentali.

Anche se non siete addentro a questi ambiti, conoscere le opere di questi scienziati è il modo migliore per addentrarsi nella storia del nostro paese nonché in una conoscenza di carattere generale che potrebbe tornare utile in vari ambiti della vita (sia per una propria conoscenza sia  – ad esempio – nel caso di concorsi con test di cultura generale).

Questa proposta dallo staff della Unicusano di Brindisi vuole essere solo una piccola infarinatura riguardo alle scoperte di questi scienziati. Ci auguriamo che possa servire da sprone per continuare ad informarsi privatamente sulla vita e le scoperte di questi scienziati, considerando che molte delle invenzioni a loro attribuite sono tutt’ora utilizzate giornalmente e hanno influenzato anche molte discipline non direttamente connesse.

Se siete pronti per questo viaggio nella scienza, cominciamo subito: ecco 10 scienziati italiani da conoscere…
scienziati famosi

1. Leonardo da Vinci

Partiamo dal padre fondatore del pensiero scientifico italiano (e mondiale): stiamo parlando di Leonardo Da Vinci, il primo tra i più grandi pensatori del mondo, capace di teorizzare invenzioni concretizzatesi solo secoli dopo.

Leonardo Da Vinci, nato nel 1492, e sue invenzioni nella storia rappresentano la più grande e incontestabile dimostrazione del genio umano.

2. Galileo Galilei

Nato nel 1564, Galileo è stato un fisico, astronomo, filosofo e matematico italiano, considerato il padre della scienza moderna.

Tantissime sono le sue scoperte in vari ambito: dalla dinamica all’astronomia oltre alla fondamentale teorizzazione del metodo scientifico (detto spesso metodo galileiano o metodo scientifico sperimentale). Alla base di questo ci sono sia l’esperienza diretta sia la dimostrazione; l’esperimento, dunque, diventa lo strumento alla base delle indagini sulle leggi della natura, in contrasto con la tradizione aristotelica e la sua analisi qualitativa.

3. Guglielmo Marconi

Si tratta di uno dei nomi più celebri sia in Italia sia all’estero. A Guglielmo Marconi, nato nel 1874 a Bologna, si deve l’invenzione del primo telegrafo senza fili (antenato della radio).

Fu nel 1895 che Marconi riuscì per la prima volta a far funzionare la sua radio, brevettando poco dopo l’invenzione e riuscendo a “battere sul tempo” altri scienziati dell’epoca come, appunto, Tesla che era arrivato alle sue stesse conclusioni.

Ma non si trattò solo di una lotta al fotofinish: l’invenzione di Marconi portò concretamente risultati importantissimi quando le navi vennero fornite di telegrafo alle navi, facendo nascere la figura del marconista e riuscendo così a salvare molte vite in drammatici incidenti.

Nel 1909 Marconi venne premiato con il premio Nobel.

4. Fabiola Gianotti

Nata a Roma ma cresciuta a Milano, la Gianotti si è laureata in fisica, con indirizzo sub-nucleare, nel 1984 per poi entrare a lavorare al CERN. Si tratta della più giovane scienziata italiana famosa a livello mondiale per le sue scoperte nel campo della fisica.

Fin dal 1992, Fabiola Gianotti ha lavorato in prima persona all’esperimento ATLAS, i cui risultati sono stati annunciati al pubblico proprio da lei nel 2012. In vent’anni di studi e lavoro, la Gianotti è riuscita infine – coadiuvata dal suo staff – ad osservare una particella compatibile con il bosone di Higgs che avrebbe dato vita all’universo.

Nel 2012, in seguito alla divulgazione della scoperta scientifica, la Gianotti è stata inserita dalla rivista americana Time al quinto posto nella classifica delle persone dell’anno.

5. Enrico Fermi

Fermi deve necessariamente essere ricordato come lo scienziato in grado di dare un contributo fondamentale alle scoperte della fisica nucleare che gettò le basi per l’utilizzo e lo sfruttamento dell’energia atomica.

Nato nel 1901, fornì alla comunità scientifica del periodo diversi importanti contributi come la teoria del decadimento β, la statistica quantistica di Fermi-Dirac e i risultati riguardanti le interazioni nucleari.

6. Stanislao Cannizzaro

Cannizzaro è stato un chimico siciliano, nato nel 1926.

A lui si deve la teorizzazione della cosiddetta regola di Cannizzaro (chiamata anche regola degli atomi), cioè il metodo per calcolare la massa atomica di un elemento.

La regola afferma che: “le varie quantità in massa di uno stesso elemento, contenute nelle molecole di sostanze diverse, sono tutte multipli interi di una stessa quantità, la quale deve ritenersi la massa atomica dell’elemento”. Scegliendo quindi la più piccola quantità in massa di ogni elemento contenuta nelle masse molecolari dei vari composti, è possibile ottenere le masse atomiche relative di quasi tutti gli elementi conosciuti.

7. Alessandro Volta

Nato nel 1745, a questo scienziato si deve l’invenzione del primo generatore elettrico mai realizzato, della pila e una menzione ulteriore per la scoperta del metano.

Fu proprio con una comunicazione ufficiale indirizzata al presidente della Royal Society che Alessandro Volta – nel 1800 – annunciò alla comunità scientifica l’invenzione della pila (o “apparato elettromotore” o “apparato a colonna”), da lui chiamata “organo elettrico artificiale”.

8. Ettore Majorana

Come Enrico Fermi, fu un grande fisico italiano che collaborò attivamente nella ricerca sul nucleare.

Restano ignote le cause della sua scomparsa: partito da Palermo con un piroscafo, fece perdere le sue tracce (forse suicidio? O emigrazione?) così da far rimaner ignoti anche i suoi risultati in riferimento a scoperte effettuate nel campo della fisica nucleare.

9. Rita Levi-Montalcini

Nata a Torino nel 1909, la Montalcini è scomparsa solo pochi anni fa alla veneranda età di 103 anni dopo una vita dedicata interamente alla medicina e alla divulgazione scientifica.

Le ricerche della Levi-Montalcini si orientarono fin da subito sul sistema nervoso portando a compimento importantissimi studi riferito alla formazione delle cellule nervose e ottenendo per queste ricerche il Nobel per la medicina nel 1986.

10. Carlo Rubbia

Nel campo della Fisica, Rubbia è stato premio Nobel nel 1984 e a lungo ha ricoperto la carica di direttore del CERN, Centro Europeo per la Ricerca Nucleare che ha sede a Ginevra. Nato nel 1934, ha studiate alla Normale di Pisa per poi specializzarsi negli Stati Uniti d’America.

Oltre alla ricerca energetica, nel corso della sua carriera Carlo Rubbia si è occupato di fisica delle particelle elementari. Nello specifico, il premio Nobel gli fu assegnato proprio per l’esperimento che l’ha portato a scoprire le particelle responsabili dell’interazione debole (ovvero i bosoni vettoriali W+, W− e Z), confermando la teoria dell’unificazione della forza elettromagnetica e della interazione debole nella forza elettrodebole .

Tra le sue invenzioni ricordiamo Rubbiatron: un reattore nucleare a fissione sicuro ancora non realizzato mai nella pratica.

Avete altri nomi di scienziati da segnalarci? Vi aspettiamo nei commenti.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali