informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Struttura saggio breve: ecco come si fa

Commenti disabilitati su Struttura saggio breve: ecco come si fa Studiare a Brindisi

Volete sapere come organizzare la struttura saggio breve? In questo articolo lo staff dell’Università online Niccolò Cusano di Brindisi intende fornire tutti i suggerimenti per scrivere al meglio questa tipologia di testo.
scrivere un saggio breve
Infatti, nel percorso di studi ogni ragazzo si è già imbattuto nel saggio breve fin dall’esame di maturità; ma non finisce qui in quanto accadrà spesso di dover presentare ai docenti – anche all’università – un elaborato scritto su un determinato argomento.

Inoltre, saper strutturare un tema è anche il modo migliore per iniziare ad approcciarsi alla scrittura in vista della redazione dell’elaborato della tesi che – più in grande – presenta le medesime caratteristiche: reperimento delle fonti, lettura ed analisi, organizzazione del testo e scrittura.

E non solo: saper scrivere un saggio breve è anche un esercizio che consentirà di riuscire in ogni momento – anche nel corso della vita lavorativa – di essere in grado di metter giù un testo ben fatto e rispondente a precise caratteristiche richieste.

Ma andiamo con ordine e vediamo nel dettaglio cosa serve per scrivere un saggio breve: la gestione delle fonti, la tipologia di stile e i vari tipi di testo.

Saggio breve: cos’è e come si fa

Iniziamo con il dare una definizione di saggio breve: è quella tipologia di testo che mira ad interpretare e spiegare i fatti – presenti nelle fonti – fornendo una panoramica critica e validando le interpretazioni proposte (facendo appello al ragionamento):

Lo stile, quando si intende scrivere un saggio breve deve necessariamente essere formale (niente punti esclamativi o puntini di sospensione) e si devono evitare espressioni come: “a mio parere, secondo me, io penso…”, infatti colui che scrive non dovrebbe chiamarsi in causa, lasciando parlare gli argomenti forniti nel testo.

Dal punto di vista linguistico, il saggio deve argomentare ogni concetto espresso grazie all’utilizzo di rapporti avversativi (ma, nonostante, tuttavia, mentre, invece…), dimostrativi (infatti, in realtà, in effetti, insomma, in conclusione..), di causa effetto (quindi, perciò, dal momento che, pertanto, di conseguenza) e di successione temporale (in un primo momento, poi, dopo, inoltre, in seguito, infine..).

Questo serve a strutturare il testo in una maniera comprensibile e chiara – sia dal punto di vista concettuale sia linguistico.

Poi, per quanto riguarda la lunghezza del saggio breve, questa non deve superare le quattro colonne di foglio protocollo.

Dopo aver visto questi formalismi linguistici, passiamo all’analisi delle fonti: essendo un testo argomentativo, il saggio breve deve essere una trasposizione di conoscenze con lo scopo di criticare in maniera costruttiva ciò che viene fornito nella documentazione allegata.

Le fonti del saggio breve – che siate voi a doverle rintracciare o che siano già fornite dal docente – sono un punto fondamentale da cui partire e per questo devono essere lette con attenzione, contestualizzate e poi interpretate secondo dati certi.

Una volta letti i documenti proposti, vanno analizzati con attenzione, confrontandone il contenuto e facendo riferimento al periodo storico in cui sono state scritte. È ora il momento di capire analogie e differenze di contenuto per poi farsi la propria idea e prendere posizione.

Quando si avrà tutto il materiale a disposizione ben chiaro in mente, si potrà iniziare a pianificare la “strategia d’attacco” che verrà esplicata nel corso della scrittura del tema: quale argomento è quello di punta? Cosa voglio evidenziare? E quale tesi confutare?

Una volta letti gli allegati al tema, è importante presentare la propria tesi sull’argomento con esempi e citazioni avanzando nella scrittura in maniera coerente, seguendo sempre una scaletta evitando – così – dispersioni

Inoltre, è bene citare che possono esserci vari tipi di saggio breve:

Saggio breve di tipo argomentativo

Si tratta di un componimento in cui chi scrive esprime una propria tesi e ne dimostra la validità grazie al materiale che ha a disposizione. È il tipo di testo più eseguito nel corso del percorso accademico in quanto si tratta spesso di analisi di fonti utile a stimolare lo spirito critico e lo studio. Non c’è una facoltà in cui sia più utilizzato che in altre: dipende tutto dal docente e dal suo metodo.

Saggio breve di tipo critico

In questo caso lo scopo del testo è distaccarsi da alcune teorie, affermando le proprie grazie a dati oggettivi. Ovviamente l’autore deve avere un’ampia conoscenza della tematica e deve far riferimento anche ad una bibliografia più ampia di quella fornita. In questo caso è il docente a voler mettere alla prova la preparazione di un ragazzo stimolandolo anche a cercare nuove prospettive in riferimento ad un determinato argomento cercando anche altro materiale oltre a quello fornito.

Saggio breve di tipo esplicativo

Si tratta di approfondimento di un unico argomento, realizzato grazie l’attenta analisi del materiale fornito. Sostanzialmente lo studente deve validare una tesi fornita senza scadere nella banalità e questo, spesso, finisce per essere un esercizio di scrittura e di approfondimento su un determinato tema fornito dal docente.

Per ognuno di queste tipologie di tema vanno seguite delle direttive precise che – comunque – non devono discostarsi dalla struttura cardine del saggio: tesi / antitesi / sintesi.

Come si scrive un saggio: ecco la struttura da seguire

Ma arriviamo al punto focale, ovvero la redazione del saggio breve: come deve essere fatta e quale struttura è fondamentale seguire per rispettare i canoni del testo.

Scaletta: ecco come strutturarla

Dopo una prima lettura delle fonti, è fondamentale scrivere una scaletta. Questa dovrà essere il cardine del testo e dovrà tracciare le linee guida per la scrittura. La scaletta deve essere ben congeniata e – come dicevamo – deve inizialmente dare spazio alla tesi che sarà esposta nel saggio, successivamente lasciare spazio alle critiche (nell’antitesi) e, infine, confutare l’antitesi con una nuova riaffermazione.

La scaletta è cruciale per una corretta riuscita del saggio. Può essere sviluppata a partire da due schemi: lo schema ad albero (in cui da un elemento principale si diramano gli elementi dipendenti o collegati) o la mappa concettuale (qui si presentano una serie di elementi disposti a raggera intorno a un nucleo).

Nella pratica, il saggio breve dovrà contenere un’introduzione, un’argomentazione critica ed una conclusione.

Come scrivere l’introduzione

Nell’introduzione vanno descritti gli argomenti che si andranno ad affrontare e verrà presentata la tesi.
titolo del saggio breve
Stilisticamente l’introduzione del saggio breve è molto importante e deve essere accattivante; ad esempio può essere utile porre al lettore delle domande che pongono la questione sulle problematiche principali a cui il saggio darà una risposta.

Successivamente andranno scritte varie argomentazioni del tema: la prima a sostegno della tua tesi nella quale verranno presentate anche delle citazioni importanti tra le fonti che si hanno a disposizione; nella seconda argomentazione andrà presentata la parte in contrapposizione con la tesi; nella terza argomentazione, infine, verrà rimarcata con più decisione la tesi, basandosi sulle fonti a sostegno.

Ecco i consigli per un titolo perfetto

Al termine della stesura (e del controllo) del saggio, è possibile dedicare del tempo al titolo del saggio breve. Si tratta di una frase che sia allo stesso tempo chiara e accattivante. Sarà possibile scegliere tra un titolo-citazione, un titolo che riassuma le conclusioni o un titolo che anticipi il dibattito tra tesi ed antitesi.

È consigliabile scrivere il titolo soltanto una volta che si sia completato il testo. Infatti il titolo dovrà fungere da “calamita” per coloro che dovranno leggere il contenuto del testo. Meglio, quindi, optare per qualche frase ad effetto che lasci la suspance nel lettore.

Il titolo sembrerebbe essere la parte più facile ma non lo è: si tratta, infatti, di imparare l’estrema arte della sintesi… con stile.

Avete trovato utili i consigli dello staff della Università Niccolò Cusano di Brindisi? Vi ricordiamo che per qualsiasi perplessità di fronte alla redazione di un tema nel corso degli anni universitari, potete sempre far riferimento al tutor universitario che vi è stato assegnato: si tratta di una figura che saprà guidarvi con competenza attraverso il percorso accademico, con consigli e fornendovi sempre la giusta motivazione per affrontare gli esami e lo studio.

Non ci resta che augurarvi buona scrittura!

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali