informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Testo narrativo: definizione e caratteristiche

Commenti disabilitati su Testo narrativo: definizione e caratteristiche Studiare a Brindisi

Cosa si intende per testo narrativo? E quando deve essere usata questa tipologia testuale, nell’ambito dell’università?

In questo articolo lo staff della Unicusano di Brindisi vuole venire incontro a tutti gli studenti alle prese con la scrittura di un testo del genere narrativo, così da fugare ogni dubbio sulla struttura che deve avere e sulle sue caratteristiche.

Struttura del testo narrativo

Peculiarità di un testo narrativo, infatti, è la sua struttura che possiamo fin da subito riassumere così:

  • ­presenza di una storia (cioè di un concatenarsi di avvenimenti);
  • ­presenza di vari personaggi (protagonisti e personaggi di contorno coinvolti tutti nell’agire della vicenza);
  • ­tempo narrativo (nel testo sarà specificato in quale epoca si svolgono gli eventi che può essere passate, presente o futura) e loro durata cronologica
  • ­spazio (cioè dove si svolgono gli eventi e dove agiscono i personaggi);
  • presenza di un narratore (voce “fuori campo” che narra la vicenda)

In presenza di tutte queste caratteristiche, si può parlare di testo narrativo che – per completezza – può essere definito così’: un tipo di genere finalizzato a raccontare una storia di cui siano protagonisti uno o più personaggi.

Ora occorre andare ad analizzare le varie componenti che caratterizzato il testo, focalizzandoci sulle tecniche narrative messe in campo…

La storia

romanzo

In una attenta analisi di un testo narrativo o se si vuole scrivere questo tipo di testo è fondamentale non prescindere dalla prima delle sue componenti: la storia.

Caratteristiche della storia di un testo di narrazione sono la fabula e l’intreccio. Infatti, questo tipo di narrazione prevede una successione di eventi che può essere cronologica o no. A dare “vita “ alla fabula (quindi alla successione cronologica degli eventi) è la scelta da parte del narratore di organizzare l’ordine artificiale degli eventi a servizio di trame avvincenti o finali a suspance.

I Personaggi

Arriviamo poi alla presenza di personaggi: possono essere soltanto uno o molti, moltissimi. Sta all’abilità del narratore tracciare un loro profilo credibile ed interessante per il lettore, pagina dopo pagina.

Come detto, tutti i personaggi presenti tendono a relazionarsi tra di loro così da dar vita ad un “sistema” nel quale ciascuno ha significato in relazione agli altri. Nelle novelle classiche, tra i personaggi, troviamo il protagonista, l’antagonista, l’amato, l’aiutante, l’oppositore.

Il Tempo

Il tempo della storia, in un testo narrativo, è quello in cui si svolgono le azioni dei personaggi che non per forza (anzi, quasi mai) coincide con il tempo del discorso in cui si trova a scrivere il narratore. Questa “anacronia” (quindi due tempi che non coincidono) può dar vita ad escamotage letterari quali le anticipazioni o i flashback.

Inoltre, oltre a collocarsi in un tempo passato, presente o futuro, gli eventi narrati hanno anche una precisa durata (giorni, mesi, anni…).

Possiamo dire che generalmente i romanzi di narrazione sono caratterizzati da: una situazione iniziale, un momento in cui questa viene modificata, avvenimenti che coinvolgono i vari personaggi, momento di estrema tensione e, infine, una conclusione o scioglimento. Come detto, però, queste parti temporali del romanzo non devono necessariamente essere raccontate in ordine ma – ad esempio – iniziando dalla fine e ripercorrendo il passato.

Questo escamotage letterario può tenere facilmente alto l’interesse e l’attenzione del lettore e per questo è spesso usato nella narrativa di intrattenimento e non solo.

Lo Spazio

Nel testo di narrazione le vicende raccontate si svolgono in dei luoghi precisi. Questi sono sempre accuratamente caratterizzati dallo scrittore e possono essere realistici, creati dalla fantasia dell’autore con caratteristiche credibili o fantastici ed immaginari.

Comunque la licenza detta “convenzione del patto narrativo” fa si che il lettore riconosca l’autorevolezza dello scrittore, accettando anche che gli eventi narrati e i luoghi descritti siano veri, attuabili e possibili nel mondo reale. D’altra parte sono gli stessi stratagemmi stilistici adottati da chi scrive a rendere il lettore fiducioso.

Il narratore

In ultimo arriviamo alla figura del narratore che – in molte storie – è la colonna portante del romanzo.

Dunque, la voce cui è affidata la funzione di narrare la storia, può essere  interna (cioè si tratta al contempo di un personaggio della vicenda) o ­ esterna (quando non è un personaggio della storia e narra le vicende in terza persona). In entrambi i casi il narratore può essere super partes o mischiarsi alla psicologia del romanzo dando giudizi e pareri.

Per questo, stilisticamente, il romanzo può essere caratterizzato da dialoghi alternati a parti narrate da un “io” esterno a descrizioni…

Analisi di un testo di narrazione: ecco come farla

Una volta che si saranno presi in esame tutti questi aspetti si avrà la certezza di essere di fronte ad un testo narrativo. A questo punto è possibile iniziare a compilare una scheda analistica del testo, analizzandone le sue componenti.
Analisi di un testo di narrazione
Si inizierà indicando il titolo del testo e il nome dell’autore, senza dimenticare l’anno della prima edizione. Questo servirà a inserire il romanzo in un contesto storico e letterario o in una determinata corrente stilistica che consentirà di analizzarne stile e contenuti i maniera più lungimirante.

Poi andrà effettuato un riassunto del testo in cui verrà fornita una panoramica delle vicende che si svolgono nel testo, con particolare menzione dei momenti “cardine”.

Successivamente è il momento di confrontarsi con un’analisi attenta dei personaggi. Di tutti si dovranno analizzare le varie caratteristiche fisiche e psicologiche e i loro ruoli e legami nel contesto narrativo.

Poi si passerà all’analisi degli spazi e dei luoghi nei quali si svolgono le azioni, cercando di capire se sono reali, se vogliono “raccontare” qualcosa o se sono immaginari.

Infine, per quanto riguarda l’indagine stilistica, si continuerà con l’analisi del linguaggio adoperato nella scrittura, cercando di capire se differenzia tra discorso diretto e indiretto e se è “allineato” con lo stile linguistico del momento in cui il testo è stato scritto. E, inoltre, se c’è la presenza di monologhi, discorsi liberi, figure retoriche…

Una particolare menzione va fatta relativamente ai pensieri dell’autore che emergono dal romanzo, alla presenza di strutture linguistiche meta-testuali, di tematiche principali eccetera… in merito a ciò vale la pena porsi delle domande nel momento dell’analisi del testo: quali sono le tematiche? Qual è il punto di vista dell’autore? Ci sono commenti? Qual è l’atteggiamento nei confronti dei personaggi? Quali sono i valori politici e morali dell’autore?

Teniamo presente che questo tipo di analisi può tornare utile in qualsiasi momento del percorso universitario, soprattutto quando si deve contestualizzare un’opera letteraria. Ci saranno docenti che in varie materie di studio vi sottoporranno testi letterari del periodo o di autori di riferimento ed essere in grado di farne un’analisi è il modo migliore per entrare in contatto con il pensiero dell’autore e migliorare le proprie conoscenze in materia,

Per ulteriori specifiche o consigli sull’analisi del testo potete sempre far riferimento ai docenti o ai tutor messi a disposizione dalla Università online Niccolò Cusano di Brindisi. Per altre perplessità, aspettiamo le vostre domande nei commenti.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali