informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Come essere più competitivi sul mercato del lavoro? Le skills fondamentali

Commenti disabilitati su Come essere più competitivi sul mercato del lavoro? Le skills fondamentali Studiare a Brindisi

Con il passare degli anni abbiamo assistito ad un’evoluzione del mondo del lavoro che richiede figure professionali sempre più competenti e specializzate. Se da un lato molti lavori ripetitivi sono stati sostituiti dalle macchine, dall’altro lato l’automazione stessa ha aumentato la richiesta di competenze più sofisticate.

Ci troviamo dunque in una fase in cui, per sopravvivere nel mondo del lavoro, è fondamentale essere competitivi e specializzati.

In questo approfondimento, lo staff dell’Università Niccolò Cusano di Brindisi, analizzerà proprio come essere più competitivi sul mercato del lavoro migliorando le proprie skills.

Se l’argomento ti incuriosisce, ti consigliamo di continuare a leggere.

Life skills: cosa sono?

Prima di scoprire come essere più competitivi sul mercato del lavoro, è bene dedicare qualche minuto alle cosiddette life skills. Si tratta di un concetto molto diffuso in ambito lavorativo, specie tra gli esperti di selezione del personale, ma anche in ambito scolastico e nel settore coaching.

Le life skills sono praticamente le competenze di vita ritenute fondamentali per la propria crescita personale e professionale. Chi possiede tali competenze risulta essere una persona positiva in grado di affrontare i cambiamenti della vita. Se facciamo un passo indietro e pensiamo a quanto abbiamo appena detto sull’evoluzione del mondo del lavoro, appare evidente che le life skills sono fondamentali.

Con il termine life skills si indicano per la precisione una serie di abilità cognitive, emotive e relazionali di base. Grazie a queste competenze, le persone sono in grado di operare efficacemente sia sul piano individuale che sul piano sociale.

Un discorso sul rapporto tra lavoro e competizione non può non tenerne conto.

come essere piu competitivi sul mercato del lavoro pianificare

Come essere più competitivi sul mercato del lavoro

Ora che abbiamo un’idea più chiara rispetto a concetti come skills life vediamo come essere più competitivi sul mercato del lavoro migliorando il proprio profilo.

In un mercato del lavoro sempre più competitivo il titolo di laurea e le conoscenze acquisite con lo studio non sono più sufficienti per realizzarsi professionalmente. Ciò che occorre è infatti un mix perfetto tra istruzione universitaria, specializzazione post laurea, esperienza e skills. Solo in questo modo potrai emergere ed essere più competitivo.

Vediamo allora quali sono almeno 4 skills fondamentali per essere più competitivi sul mercato del lavoro.

Migliorare le proprie competenze linguistiche

Per dare valore al tuo curriculum vitae, le competenze linguistiche ricoprono un ruolo assai importante. Generalmente, possedere una laurea è il modo per poter ambire al lavoro dei propri sogni. Professioni nell’ambito bancario, finanziario, politico o economico, ma anche in altri campi come quello umanistico richiedono oggi un titolo di laurea ed una formazione continua. Lo studio infatti non termina con il raggiungimento della laurea. Per far carriera in determini ambiti occorre proseguire con la formazione.

Uno dei requisiti maggiormente richiesti è la conoscenza delle lingue straniere. Il nostro consiglio è migliorare le proprie conoscenze linguistiche imparando una nuova lingua. Come sai l’inglese è indispensabile per gestire business internazionali, fare una carriera diplomatica o accademica.  Oltre all’inglese oggi il mercato del lavoro richiede la conoscenza di lingue più ricercate come l’arabo o il mandarino, ma anche lo spagnolo o il tedesco. Se stai già lavorando, ti consigliamo di seguire corsi di formazione, online o di persona, per migliorare le tue conoscenze linguistiche. In questo modo darai dimostrazione di essere una mente curiosa ed aperta nei confronti del mondo e di aver voglia di migliorare te stesso.

Saper lavorare in gruppo

Nonostante esista il famoso detto “chi fa da sé, fa per tre” e molto spesso tale condizione può rivelarsi una grande verità, ci sono professioni che obbligano a lavorare in gruppo.

In questi casi dimostrare di saper lavorare in team è una competenza particolarmente apprezzata dai datori di lavoro. Oltre ad essere una condizione necessaria per poter completare progetti ambiziosi, lavorare in gruppo mette in risalto le capacità personali di un soggetto.

Avere a che fare con gli altri, implica il possesso di grandi doti comunicative e relazionali. Vediamo quindi cosa significa sapere lavorare in gruppo e quali capacità occorre acquisire e dimostrare di avere.

Saper comunicare con colleghi, capo e subordinati

Il lavoro di squadra ti porterà a confronti continui sia con i colleghi che con il capo ed i subordinati. Per non avere problemi e fraintendimenti, è necessario essere chiari e diretti, senza essere rudi o maleducati. Una buona dose di empatia potrebbe aiutarti notevolmente.

Ascoltare le informazioni e richiedere feedback

Quando ti vengono fornite informazioni è importante saperle ascoltare, ma anche analizzarle. Allo stesso tempo è importante richiedere e ricevere feedback sul lavoro svolto. Qualora ti venisse mossa una critica, impara ad analizzarla e a trovare un modo per migliorare gli aspetti messi in discussione. Utilizza la critica come l’occasione per migliorare.

Rispettare il proprio gruppo di lavoro

All’interno di una squadra vi sono ruoli diversi con funzioni e responsabilità differenti. Impara a rispettare il tuo gruppo di lavoro ed i ruoli ricoperti da ciascun membro del gruppo. Se sei costretto a dare un feedback ad un collega, cerca di farlo in maniera costruttiva.

Saper pianificare il lavoro

Altra competenza fondamentale che le aziende richiedono ai propri dipendenti è quella di saper pianificare il proprio lavoro. Essere in grado di organizzare il proprio lavoro è indice di maggiore produttività e dimostra la capacità di saper utilizzare le risorse a disposizione senza sprechi.

In che modo puoi organizzare e pianificare il tuo tempo, ottimizzarlo e quindi essere più produttivo sul posto di lavoro?

Prima di tutto, se vuoi essere un buon planner, devi stabilire un piano di lavoro. A seconda degli ambiti lavorativi, ci sono progetti di durata diverse. Alcuni progetti vengono realizzati in mesi se non addirittura in anni. La prima cosa da fare è partire con il piede giusto. Prima di intraprendere un progetto devi avere ben chiari alcuni aspetti:

  • durata del progetto
  • obiettivi e risultati da raggiungere
  • ripartizione degli incarichi

Sarà importante anche creare un sistema d monitoraggio dell’andamento del progetto e avere la capacità di intervenire, se necessario, apportando modifiche in corso d’opera.

come essere piu competitivi sul mercato del lavoro problem solving

Possedere capacità di problem solving

L’ultima skill che vogliamo analizzare nella nostra guida su come essere più competitivi sul mercato del lavoro è quella del problem solving, ovvero la capacità di risolvere i problemi.

Avere risorse in grado di trovare una soluzione al problema, rappresenta per le aziende un grande valore aggiunto. Inoltre, quella del problem solving è una competenza utile nella vita di tutti i giorni, dal momento che ci si trova continuamente alle prese con problemi e situazioni da gestire. Possedere tale competenza è un vantaggio quindi sia sul piano lavorativo che personale.

Se pensi che tutti i problemi abbiano una soluzione oggettiva ed assoluta, ti sbagli. La soluzione ad un problema è sempre il frutto di un processo di analisi. Pertanto non esiste una soluzione unica al problema, piuttosto esiste la soluzione migliore in base ad una determinata situazione.

Come si risolve un problema? Quali sono gli step fondamentali da seguire?

Per prima cosa dovrai essere in grado di identificare il problema e il modo migliore è porsi le domande giuste, ovvero:

  • Quando accade?
  • In che modo accade?
  • Perché succede?
  • Chi sono i responsabili?

Una volta trovato il problema, dovrai passare alla ricerca delle soluzioni, verificando tutte le alternative possibili e valutando la loro fattibilità e complessità. Chiediti inoltre se, rispetto alla soluzione trovata, ne vale la pena in termini di tempo e fatica.

Una volta applicata la soluzione, dovrai verificarne la correttezza valutando l’impatto reale sul problema. Nel caso fosse la soluzione sbagliata, bisognerà ammettere l’errore ed essere propositivi nella ricerca di una soluzione alternativa e migliore.

Eccoci giunti al termine della nostra guida. Quali skills pensi di dover apprendere? Se i consigli di Unicusano su come essere più competitivi sul mercato del lavoro ti hanno incuriosito, leggi anche come crearsi un lavoro in 5 step fondamentali.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali