informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Come scrivere una tesi di diritto amministrativo: i passi da seguire

Commenti disabilitati su Come scrivere una tesi di diritto amministrativo: i passi da seguire Studiare a Brindisi

come scrivere una tesi di diritto amministrativo manualeSei uno studente iscritto alla facoltà di giurisprudenza presso l’Università online Niccolò Cusano di Brindisi? Se nel tuo percorso di studio ti sei appassionato al diritto amministrativo, potresti pensare di scrivere la tua tesi di laurea in questa materia. L’idea ti piace? Allora scopri come scrivere una tesi di diritto amministrativo con i nostri preziosi consigli. Nei prossimi paragrafi ti spiegheremo, infatti, come si struttura una tesi di laurea e come fare una tesi di diritto.

Sei pronto per approfondire? Procediamo!

Cos’è il diritto amministrativo

Prima di vedere come scrivere una tesi di diritto amministrativo, facciamo un piccolo passo indietro. Cerchiamo di capire cos’è il diritto amministrativo e quali competenze rientrano in questo ambito.

Il diritto amministrativo è un ramo del diritto pubblico che regola l’organizzazione dell’Amministrazione pubblica. Regola cioè le attività di perseguimento degli interessi pubblici ed i rapporti tra pubblica amministrazione e cittadini.

L’espressione diritto amministrativo si fa risalire ai tempi della Rivoluzione francese e, nella sua fase iniziale, prevedeva:

  • centralizzazione dell’attività amministrativa
  • rafforzamento del potere pubblico nei confronti dei cittadini
  • separazione tra la funzione amministrativa e la funzione giurisdizionale, in modo che i giudici non potessero interferire con le attività degli organi amministrativi

Restando in ambito storico, sappi che il primo manuale di diritto amministrativo venne scritto nel 1818 dal giurista francese Macarel. Avvocato e consigliere di Stato, Macarel è considerato uno dei fondatori della scienza del diritto amministrativo francese.

I principi del Diritto Amministrativo

Se dovessimo individuare la fonte principale su cui regge il diritto amministrativo, potremmo indicare senza dubbio la Costituzione.

Vediamo allora quali sono i principi alla base di questa branca del diritto.

Legalità: secondo questo principio, la pubblica amministrazione deve svolgere la propria attività in piena conformità con quanto previsto dalla legge. Ciò serve a tutelare i cittadini ed evitare poteri autarchici.

Imparzialità: secondo questo principio, l’Amministrazione deve svolgere la propria attività senza mettere in atto comportamenti discriminatori nei confronti dei soggetti che hanno a che fare con la sua azione. L’Amministrazione deve agire con il solo scopo di assicurare il buon andamento delle sue attività.

Buon andamento: collegato al precedente, questo principio stabilisce che la pubblica amministrazione debba agire per conseguire l’utilità sociale e non il profitto economico. Il buon andamento significa svolgere le attività in modo efficiente e tempestivo, a favore del bene comune.

Autonomia e decentramento: questi due principi ispirati all’articolo 5 della Costituzione, riconoscono e promuovono le autonomie locali ed il decentramento amministrativo.

Sussidiarietà: collegato al precedente principio, prevede che le competenze amministrative siano attribuite ai livelli di governo più vicini ai cittadini.

Leale collaborazione: si riferisce ai rapporti tra gli uffici amministrativi e al potere del governo di sostituire gli enti territoriali quando questi non eseguano le funzioni in maniera legale.

Responsabilità: i funzionari e i dipendenti dello Stato e degli enti pubblici sono direttamente responsabili, secondo le leggi penali, civili e amministrative, degli atti compiuti in violazione di diritti.

La Pubblica Amministrazione in Italia

Prima ancora di passare al tema centrale del nostro approfondimento, ovvero la tesi di diritto amministrativo, vediamo rapidamente come funziona la pubblica amministrazione in Italia.

La pubblica amministrazione comprende un complesso di organi ed uffici pubblici che fanno capo al Governo ed agiscono per conto dello Stato. Le attività di questi organi ed uffici pubblici sono regolate, come già detto, dalle norme del diritto pubblico, nello specifico del diritto amministrativo. L’obiettivo è il perseguimento dell’interesse pubblico.

Gli organi amministrativi, a seconda dell’attività che svolgono, si dividono in:

  • consultivi: esprimono pareri a favore di altri organi che a loro volta possono svolgere la loro attività rispetto ad una data situazione
  • attivi: svolgono attività che soddisfano direttamente i fini pubblici
  • di controllo: esaminano l’attività svolta da altri organi per verificarne la correttezza dell’operato. Un esempio è la Corte dei Conti

Gli uffici pubblici sono strutture fatte di competenze, dipendenti, mezzi e risorse a disposizione degli organi per l’espletamento delle funzioni. Sono dunque al servizio degli organi per dare assistenza nell’esercizio della loro funzione.

Come scrivere una tesi di laurea

Ora che conosci le nozioni basilari di questa branca del diritto pubblico, sei pronto per scoprire come scrivere una tesi di diritto amministrativo?

Per prima cosa vediamo come si struttura una tesi di laurea in senso più generico.

La tesi di laurea va scritta seguendo una struttura precisa. Vediamo quale.

Cos’è una tesi di laurea?

Si tratta di un documento che tutti gli studenti universitari devono redigere al termine del proprio percorso universitario, concordando la tematica con il docente scelto, detto relatore. Una volta concordati tema e tipologia, lo studente si prodiga nella scrittura dell’elaborato per poi discutere la tesi di fronte ad una commissione durante la sessione di laurea.

Come si struttura la tesi di laurea?

Per scrivere correttamente una tesi di laurea, quindi anche la tesi di diritto amministrativo, devi seguire una struttura precisa.

Vediamo quali sono le parti di una tesi:

  • Introduzione
  • Indice
  • Corpo del testo
  • Conclusioni
  • Bibliografia e webgrafia
  • Appendici

In linea generale ogni tesi segue l’impostazione che ti abbiamo descritto. Entriamo nel dettaglio della nostra guida e vediamo alcuni importanti passaggi da tenere a mente se sei uno studente di giurisprudenza che vuole laurearsi in diritto amministrativo.

Come scrivere una tesi di diritto amministrativo

Poco fa ti abbiamo detto che l’argomento della tesi di laurea deve essere concordato il docente relatore. Questa è solo la prima delle cose da fare. In effetti, prima di tuffarti a capofitto nella stesura della tua tesi di diritto amministrativo, è opportuno che tu segua una serie di fasi preliminari.

Vediamo di cosa si tratta:

  • concordare l’argomento della tesi con il relatore
  • svolgere un’accurata ricerca bibliografia e online
  • raccogliere manuali, archivi, riviste specializzate disponibili nelle biblioteche comunali ed universitarie
  • pianificare l’ordine degli argomenti attraverso la stesura di un indice provvisorio con brevi indicazioni per ogni sezione e capitolo

Prima di scrivere, ricorda che una tesi di laurea di diritto amministrativo, data la complessità dell’argomento, dovrà essere:

  • chiara (le argomentazioni dovranno essere espresse in modo lineare con frasi abbastanza brevi)
  • completa (tutte le informazioni utili alla comprensione delle argomentazioni dovranno essere accurate ed esaustive)

Consigli e idee per una tesi di diritto amministrativo

come scrivere una tesi di diritto amministrativo studentessaGli argomenti trattati dalla disciplina giuridica delle amministrazioni pubbliche sono davvero tanti. Si tratta di una branca del diritto assai vasta, pertanto, nel momento dell’assegnazione della tesi, è tuo dovere indicare in quale ambito di interesse vuoi svolgere il lavoro.

Se cerchi idee per una tesi di diritto amministrativo, ecco qualche argomento che potresti trattare:

  • il provvedimento amministrativo
  • la giustizia amministrativa
  • i servizi pubblici
  • l’urbanistica
  • i contratti della pubblica amministrazione

Una volta scelto l’argomento specifico con il tuo relatore, dovrete concordare insieme che tipo di ricerca condurre. Per una tesi sperimentale in diritto amministrativo è necessario effettuare un buon approfondimento dell’argomento e prospettare una soluzione originale.

Ciò che fa la differenza in seduta di laurea, non è tanto l’argomento quanto il modo in cui la tesi viene redatta. Per questo ti consigliamo di:

  • verificare sempre che libri e manuali di diritto amministrativo siano aggiornati
  • prendere confidenza con le nozioni base dell’argomento
  • consultare il Repertorio generale del Foro italiano in versione sia online che cartacea

Assicurati inoltre di scegliere un argomento per il quale provi un interesse reale e che questo sia abbastanza circoscritto.

Ultimo consiglio: tieni al tuo fianco un buon dizionario dei sinonimi e contrari e dimostra di saper compiere una ricerca giuridica completa, ma al tempo stesso facile e piacevole da leggere.

Ora che sai come scrivere una tesi di diritto amministrativo, ti senti pronto per chiudere il tuo percorso universitario con successo?

Se la carriera in ambito legale ti interessa, leggi anche come diventare avvocato a Brindisi.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali