informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

L’esame è andato male? I 5 consigli per risollevarti

Commenti disabilitati su L’esame è andato male? I 5 consigli per risollevarti Studiare a Brindisi

L’esame è andato male e sei stato bocciato? Niente panico e soprattutto nessuna tragedia. Un esame andato male non è la fine del mondo.

In tanti anni di studio può succedere di non riuscire a superare un esame, anche per chi è un noto collezionista di trenta e lode. Durante il percorso universitario può accedere infatti di imbattersi in un esame più ostico e non farcela a superarlo con successo.

Per non farsi sopraffare da pensieri negativi, lo staff dell’Università online Niccolò Cusano di Brindisi ha realizzato una guida per risollevarsi da un esame andato male.

Curioso di sapere come reagire di fronte ad una bocciatura? In questo caso ti consigliamo di continuare a leggere.

esame andato male ragazza

Esame andato male: 5 modi per reagire

Gli esami universitari sono tappe fondamentali del percorso di uno studente universitario. Piccoli grandi traguardi che ci avvicinano all’obiettivo finale, ovvero il conseguimento della laurea. Tuttavia, anche una bocciatura ad un esame fa parte di questo percorso.

Non sempre le cose vanno secondo le nostre aspettative ed essere bocciati ad un esame è pur sempre una sconfitta. L’importante però è reagire per ritrovare la carica giusta per riprovarci e superare l’ostacolo con successo.

Sia che tu sia una matricola alle prime armi o uno studente prossimo alla tesi, la bocciatura ad un esame brucia comunque e rappresenta un piccolo colpo all’autostima. Proprio per evitare di trasformare questo fatto in “tragedia”, il nostro staff sta per proporti 5 consigli per risollevarti e trarre vantaggi da questa esperienza.

Vediamo allora cosa fare dopo una bocciatura e aver versato una lacrimuccia.

1 – Ridimensionare il problema

Anche se potrà suonarti strano, la prima cosa da fare se l’esame è andato male è ridimensionare il problema. Ciò non significa dare poca importanza all’accaduto o assumere un atteggiamento di scarso interesse verso la cosa. Al contrario, ridimensionare il problema vuol dire dare il giusto peso ad un evento, a maggior ragione se sei uno studente responsabile e volenteroso. Prova quindi a circoscrivere l’accaduto considerandolo come una semplice battura d’arresto del tutto superabile. Se senti che i pensieri negativi stanno per prendere il sopravvento, interrompi questo vortice facendo altro. Prova a fare una passeggiata, una corsa al parco o ad ascoltare la tua musica preferita. Insomma, cerca di fare qualcosa che blocchi i tuoi pensieri e ti faccia pensare all’esame in maniera più obiettiva.

2 – Fare autocritica

A proposito di obiettività, ecco il secondo consiglio: capire dove hai sbagliato. Partiamo dal presupposto che dietro ad un esame andato male, si cela un errore. Una volta smaltita la tristezza e la collera, cerca di capire dove hai commesso l’errore. Prova a ripercorrere mentalmente il tuo esame, analizzando il tuo comportamento, il tuo approccio verso la materia e le domande dell’esaminatore. Ad esempio, ripensando al tuo comportamento, pensi di essere stato timido? In certi casi la timidezza gioca brutti scherzi, perché non consente al candidato di esprimersi al meglio. Al contrario, ti sentivi molto sicuro di te? In questo caso, l’eccessiva sicurezza, potrebbe averti fatto sottovalutare aspetti importanti dell’argomento. Ripensa infine alle domande poste dal docente. Conoscevi realmente tutte le risposte? Insomma, fare autocritica ti aiuterà ad inquadrare meglio quanto successo.

3 – Prendersi del tempo

L’errore comune a molti studenti che vengono bocciati è quello di ripetere subito l’esame. Se stai per fare una cosa del genere, fermati e prenditi del tempo. Due giorni in più non faranno di te un esperto della materia ed il rischio di fallire di nuovo è quasi scontato.

Ti consigliamo di lasciar passare qualche settimana, dedicarti ad altre materie, e poi ritentare non appena ti sentirai adeguatamente pronto. Vedrai che prendendoti del tempo, il tuo approccio verso lo studio sarà decisamente più propositivo.

4 – Farsi un programma di studio

Se non l’hai già fatto al primo tentativo, ecco un modo per riuscire a superare l’esame con successo: organizzare lo studio. Probabilmente la prima volta non hai preso consapevolezza di quanto materiale dovessi studiare e del tempo a tua disposizione. Il nostro consiglio è farsi un programma di studio suddividendo la quantità di nozioni da studiare tra i giorni che mancano al successivo appello. In questo modo avrai tutto il tempo per studiare con la giusta concentrazione e calma e presentarti al secondo appello preparato.

5 – Confrontarsi con i colleghi

Ultimo consiglio per superare la delusione da bocciatura è confrontarsi con qualche collega di corso. Se conosci qualcuno che ha già superato il tanto “odiato” esame, prova a chiedere loro qualche suggerimento. Solitamente chi ha già sostenuto un esame sa darti le giuste dritte sulle domande più frequenti e sugli argomenti più richiesti dal docente. Eventualmente, prova a chiedere in prestito gli appunti dei tuoi amici per verificare la presenza di concetti sfuggiti o compresi male.

Come vedi, un esame andato male può essere superato. L’importante è impegnarsi e recuperare lucidità. A proposito di consigli, scopri anche come studiare meglio per un esame.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali