informazioni@unicusano.it

800 98 73 73

Indice Massa Corporea (IMC): cos’è, a che serve, come si calcola

Commenti disabilitati su Indice Massa Corporea (IMC): cos’è, a che serve, come si calcola Studiare a Brindisi

Se sei appassionato di sport o semplicemente ti piace seguire un’alimentazione corretta e sane abitudini di vita, sicuramente avrai sentito parlare di Indice Massa Corporea.

Sai già di cosa si tratta? Se vuoi saperne di più e raccogliere informazioni più precise sull’argomento ti consigliamo di leggere l’approfondimento realizzato dallo staff dell’Università online Niccolò Cusano di Brindisi.

Scopriremo molte cose interessanti ed utili.

Indice Massa Corporea: cos’è

Per capire bene di cosa stiamo parlando, è doveroso partire dalla definizione di Indice Massa Corporea, noto anche con l’acronimo IMC.

Cos’è l’IMC?

L’IMC, conosciuto in inglese come BMI – Body Mass Index – è un parametro che serve a mettere in relazione la massa corporea di un soggetto con la sua statura. Lo scopo dell’Indice di Massa Corporea è quindi fornire una stima delle dimensioni corporee più accurata rispetto alle tabelle altezza/peso in uso diversi anni fa.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha raggruppato l’IMC in quattro categorie. Vediamo quali sono per poi passare a capire come si calcola tale parametro.

Le quattro categorie individuate dall’OMS sono:

  • sottopeso, con IMC inferiore a 19
  • medio, con IMC compreso tra 20 e 24
  • sovrappeso, con IMC compreso tra 25 e 30
  • obesità, con IMC superiore a 30

Come avrai già intuito, il risultato del calcolo IMC sarà un numero che ti permetterà di capire a quale categoria appartieni.

indice massa corporea bilancia

Come si calcola l’IMC?

Ora che abbiamo capito cos’è l’Indice di Massa Corporea, scopriamo come si calcola l’IMC per poi addentrarci ancor di più nella tematica.

La formula di calcolo è la seguente:

IMC = massa corporea (Kg) / statura (m2)

Pertanto il valore IMC si ottiene dividendo il proprio peso espresso in Kg per il quadrato della propria altezza espresso in metri.

Facciamo un esempio pratico con un soggetto che pesa 70 Kg ed è alto 1,80 cm.

La formula sarà:

70 / (1,80×1,80) = 70 / 3,24 = 21,6

Secondo la tabella dell’OMS il soggetto in questione rientra nella categoria “medio”.

Facciamo un altro esempio con un soggetto di altezza 1,64 cm e peso 48 Kg.

La formula sarà:

48 / (1,64 x 1,64) = 48 / 2,68 = 17,9

In questo caso il soggetto sarà sottopeso.

IMC: come cambia in base all’età

Ora che abbiamo visto come si applica la formula, c’è da dire che l’Indice di Massa Corporea viene considerato diversamente in base all’età.

Ad esempio si tratta di un parametro non utilizzabile per soggetti di età inferiore ai 18 anni. Nei bambini e negli adolescenti infatti occorre prendere in considerazioni ulteriori parametri che collegano tra loro età, sesso e peso del soggetto.

Stesso discorso per gli anziani per i quali l’IMC tende a diminuire dopo i 70 anni.

L’aumento dell’età determina infatti una perdita di peso corporeo naturale.

Inoltre, si tratta di un parametro totalmente inutile in una condizione come quella della gravidanza di una donna.

C’è da considerare infine che normalmente le donne hanno più grasso rispetto agli uomini, che invece presentano una massa magra maggiore.

IMC: utilità del parametro

Questo parametro, oltre a permettere una classificazione del sovrappeso o dell’obesità di uomini e donne non gravide, è un importante indice epidemiologico. La conoscenza di questo indice consente infatti di creare una relazione tra IMC e rischio di mortalità dovuto a malattie renali, diabete o malattie cardiovascolari come l’ipertensione. Si tratta dunque di un valore di cui tenere conto, non solo per tenere sotto controllo il proprio peso e aspetto fisico, ma anche la propria salute in base all’età e al sesso.

Sul sito del Ministero della Salute è pubblicata un’ampia sezione dedicata sia al calcolo dell’Indice di Massa Corporea che alle domande utili sul parametro.

Vediamo cosa dice nel dettaglio l’OMS:

Un aumento dell’IMC, specie per le classi sovrappeso e obesità, determinerebbe un aumento, come già detto, di malattie come diabete ed ipertensione. Ma anche malattie articolari da sovraccarico, disfunzioni ormonali, tumori e, nelle donne in età fertile, alterazioni del ciclo mestruale e difficoltà di concepimento. Ridurre anche di poco l’IMC per questi soggetti è importante per ridurre il rischio di sviluppare tali patologie.

Per chi invece è sottopeso la situazione potrebbe essere collegata ad altre patologie, come l’anoressia nervosa caratterizzata da una consistente perdita di peso, intensa paura di ingrassare e disturbi della propria immagine corporea.

L’indice di massa corporea non distingue variazioni del peso dovute all’entità della massa muscolare, della massa ossea, al contenuto di acqua o all’accumulo di grasso.

Pertanto calcolare da soli il proprio IMC può trarre in inganno coloro che ricorrono a diete fai da te. Per una corretta dieta è sempre bene consultare un medico specialista.

Il nostro staff inoltre ha dedicato ampio spazio a chi vuole diventare nutrizionista. Saper mangiare è importante per la propria salute e tenere sotto controllo il proprio peso ci mette al riparo da patologie gravi. Inoltre avere uno stile di vita sano e seguire un’alimentazione corretta, è un ottimo modo per favorire la concentrazione nello studio. Come vedi, il famoso detto “siamo ciò che mangiamo” è vero. Pertanto, se vuoi ottenere successo nello studio, un buon punto di partenza è proprio scegliere uno stile di vita corretto.

Informativa ai dell’art. 13 del Regolamento (UE) n. 679/2016 c.d. GDPR

Vi informiamo, ai sensi dell’art.13 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. Regolamento Generale per la protezione dei dati personali – c.d. GDPR) e del decreto Legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione dei dati personali”, che i Vostri dati personali raccolti presso di noi, ovvero altrimenti da noi acquisiti, anche in futuro, saranno oggetto di trattamento da parte nostra in qualità di “Titolare”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e/o automatizzati e sempre nel pieno rispetto della normativa applicabile, per le seguenti finalità del trattamento: attività istituzionali dell'Università, la stessa potrà raccogliere i suoi dati personali, inseriti durante la compilazione dei Form predisposti online e cartacei, potrà pertanto successivamente trattare i suoi dati ai fini dell’instaurazione del rapporto di iscrizione ai corsi di laurea e post laurea, compresa l’attività di orientamento degli studenti per la scelta del percorso universitario; attività di informative promozionali telematiche dei corsi universitari e post-universitari, corsi di specializzazione e simili; attività contabili e amministrative relative alla corretta tenuta delle registrazioni obbligatorie per legge, ovvero all’adempimento di disposizioni delle Autorità pubbliche e degli organismi di vigilanza preposti agli accertamenti. Il Titolare del trattamento e il Responsabile della protezione dei dati personali Titolare del trattamento dei Vostri dati è l’Università Niccolò Cusano – Telematica Roma, con sede in Roma, Via Don Carlo Gnocchi, 3, con Email: privacy@unicusano.it; tramite il https://www.unicusano.it/ è conoscibile l’elenco completo ed aggiornato dei responsabili del trattamento o destinatari. Si informa a tal riguardo che la nostra Università ha provveduto a nominare il proprio Responsabile della protezione dei dati personali (c.d. RPD) l’avvocato Daniela Sasanelli ad ulteriore garanzia dei diritti dell’interessato e come unico punto di contatto con l’Autorità di Controllo, il nostro RPD potrà essere contattato alla seguente email: privacy@unicusano.it Per lo svolgimento di parte delle nostre attività ci rivolgiamo anche a soggetti terzi per l’effettuazione di elaborazioni di dati necessarie per l’esecuzione di particolari compiti e di contratti. I Vostri dati personali potranno, pertanto, essere da noi comunicati a destinatari esterni alla nostra struttura, fermo restando che nessuna diffusione è prevista di tali dati personali a soggetti indeterminati. Tali soggetti verranno nominati responsabile del trattamento. Conferimento dei dati personali e periodo di conservazione degli stessi Il conferimento da parte Vostra dei dati personali, fatta eccezione per quelli previsti da specifiche norme di legge o regolamento, rimane facoltativo. Tuttavia, tali dati personali essendo necessari, oltre che per finalità di legge e/o regolamento, per instaurare il rapporto di iscrizione ai corsi di studio laurea, post laurea e perfezionamento e/o inerente le attività da noi gestite e/o per l’instaurazione del rapporto previdenziale, contrattuale o assicurativo; al fine di dare esecuzione alle relative obbligazioni, il rifiuto di fornirli alla nostra Università potrebbe determinare l’impossibilità di instaurare o dare esecuzione al suddetto rapporto. I vostri dati possono essere conservati oltre il periodo strettamente indispensabile previsto dagli obblighi di legge e comunque al solo fine di fornire ulteriori garanzie a nostri studenti. Diritti dell’interessato, limitazione del trattamento, diritto alla portabilità e diritto di proporre azione innanzi al Garante privacy (c. d reclamo previsto dal regolamento europeo 2016/679/UE) Ai sensi del regolamento europeo sopra citato, Voi avete diritto di essere informati sul nome, la denominazione o la ragione sociale ed il domicilio, la residenza o la sede del titolare e del responsabile del trattamento, e circa le finalità e le modalità dello stesso, nonché di ottenere senza ritardo, a cura del titolare: a) la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che Vi riguardano, anche se non ancora registrati, e la comunicazione in forma intelligibile dei medesimi dati e della loro origine, nonché della logica e delle finalità su cui si basa il trattamento: detta richiesta può essere rinnovata, salva l’esigenza per giustificati motivi; b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati eventualmente trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati; c) l’aggiornamento, la rettificazione, ovvero, qualora Vi abbiate interesse, l’integrazione dei dati; d) l’attestazione che le operazioni di cui ai punti b) e c) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si riveli impossibile o comporti un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato. Oltre ai diritti sopra elencati in qualità di interessati, nei limiti di quanto previsto dal nuovo regolamento europeo, potrete esercitare i diritti di limitazione del trattamento, di opposizione allo stesso ed il diritto alla portabilità esclusivamente per i dati personali da Voi forniti al titolare secondo l’art. 20 del regolamento citato. La informiamo inoltre che il base al Codice della Privacy e al nuovo regolamento europeo potrete proporre azioni a tutela dei Vostri diritti innanzi al Garante per la protezione dei dati personali, c.d. reclamo previsto dal all’art. 77 del predetto regolamento. Si informa infine che nei limiti nei quali sarà ritenuto applicabile al trattamento dei dati che Vi riguardano potrete esercitare un diritto di revoca del consenso al trattamento dei dati comunicando tale revoca al titolare del trattamento.

I dati personali da Lei inseriti saranno comunicati dall'Università ai propri uffici per iniziative formative mediante l'invio di informative promozionali